La Summer School Südtirol è un’iniziativa internazionale, locale ed interdisciplinare. Si propone di far convergere le conoscenze di tanti individui sulle questioni fondamentali del nostro tempo e di utilizzarle per avviare un processo sociale di confronto.

 

summerschoolsuedtirol@gmail.com
+39 377 444 3535

Nostre Utopie

24.07. — 29.07.2016

L’Europa o il “vecchio continente”, come viene anche chiamata, ci appare spesso troppo appesantita dal suo copioso retaggio storico per poter guardare liberamente al proprio futuro. Da questo punto di vista l’idea originaria dell’Unione Europea è stata veramente visionaria: partendo dalla consapevolezza storica che le ideologie totalitarie e le guerre debbano essere bandite una volta per tutte, fu fatta un’Europa unita in un folto complesso di intrecci. All’oggi l’Europa è confrontata con innumerevoli forze centrifughe. Pertanto ci sembra necessario chiedersi: dove sono le nostre utopie? In che modo siamo in grado di vincere umanamente le nuove sfide che ci si presentano davanti? Quali sono le opportunità offerte dai cambiamenti? Di quali visioni ha bisogno l’Europa? Di quali visioni abbiamo noi? In che modo è possibile pensare un “noi” europeo? Come già dall’organizzazione della prima Summer School Südtirol è nostro intento quello di far incontrare autori e autrici, teoriche e teorici, scienziati e scienziate, attiviste e attivisti eppure contadine e contadine col fine di ricercare pubblicamente le nostre utopie.

Programma

24.07.2016

Quali sono state le visioni che hanno fondato la Comunità Europea? Quali sono le nostre visioni oggi?

Inaugurazione

È possibile comprendere appieno il carattere utopico dell’Unione Europea solo se lo mettiamo in relazione con le pagine più nere della storia del nostro continente: con le lotte, le guerre, la violenza, con il colonialismo, il fascismo, il nazionalsocialismo. Ogni paese preso singolarmente ha pagato un prezzo altissimo in favore “di un’Europa delle libertà, dei diritti umani e dello stato di diritto”. E un prezzo altissimo lo sta richiedendo all’oggi la sua politica di arroccamento.

In che situazione ci troviamo? Si è definitivamente consumato il sogno europeo? O ci troviamo invece davanti ad un vero e proprio inizio, ora che si sta chiedendo alla popolazione se è realmente interessata a questo sogno e se è pronta a lottare per esso?

Con

Leo Andergassen (Direttore di Castel Tirolo e di Castel  Velturno)

Discorso introduttivo

Maxi Obexer, Pensare tramite visioni, a seguire intervento di Matteo Moretti Cosa succede quando il sogno europeo incontra il sogno dei migranti?

Luogo

Castel Velturno, via Paese 1, Velturno

Ore

18

25.07.2016

A chi appartiene l’Europa?

A chi è appartenuta fin’ora? A chi dovrebbe appartenere? Sul significato di Europa per le minoranze, i migranti e i marginalizzati all´interno di egemonie statal-nazionali.

Discussione aperta con

Philipp Achammer, Nivedita Prasad
Sasha Marianna Salzmann, Adnan Softic

Luogo

Castel Velturno, via Paese 1, Velturno

Ore

18

Letture al vigneto del maso Radoar

Lettura

Con

Adnan Softic:
Una storia migliore. Lo stato utopico

Sivan Ben Yishai:
Una duplice crisi strettamente personale. La città distopica

Luogo

Maso Radoar

Ore

21

26.07.2016

Cosa accade se il mio Stato non è umano?

Cosa succede se la politica fallisce, le leggi si inaspriscono, i populisti di destra invocano una maggiore presenza dello Stato e più controlli, se i diritti universali vengono messi al margine: Sul significato di società civile e sul valore delle visioni. Quale mondo sognano i fautori dei diritti umani?

Con

Natalie Assmann, attrice, attivista  e cofondatrice di: La maggioranza silenziosa dice: Si! (Vienna), e Michael Genner, attivista, autore, fra l’altro di Introduzione all’insurrezione (Vienna).

Discussione aperta

Von welcher Gesellschaft träumen Menschenrechtsaktivisten? Con Ulrike Syha

Moderato da

Veronika  Springmann

Letture al vigneto del maso Radoar

Lettura

Con

Natalie Assmann
Resoconto dalle frontiere

Ulrike Syha
Burning e Radikale

Luogo

Maso Radoar

Ore

21

27.07.2016

Le utopie e l'ordine

Ordine nell’utopia

Come si rapportano fra loro le regole della teoria letteraria con i progetti letterari di utopie?

Toni Bernhart sulle utopie nella letteratura e il loro rapporto con le regole dello scrivere.

Burocrazia: le utopie delle regole

Quanto influsso esercitano le regole e le burocrazie sulle nostre vite?

È possibile considerare la burocrazia come un mezzo per ottenere più efficienza e trasparenza? O si tratta invece di uno strumento atto ad esercitare violenza?

Interviene

Corinne Diserens in collegamento al libro di David Graeber: The utopia of rules.

Conversazione con

Corinne  Diserens ,Toni  Bernhart e Maxi Obexer

Luogo

Castel Velturno, via Paese 1, Velturno

Ore

18

Letture e performance vigneto del maso Radoar

Lettura e performance

Con

Sasha Marianna Salzmann e Tucké Royale: Il corpo utopico

Luogo

Maso Radoar

Ore

21

28.07.2016

Utopia natura: cosa sognano i contadini biologici?

È ben noto il disagio scaturito dalla crudeltà con cui vengono allevati gli animali negli allevamenti di massa, dalla scomparsa di innumerevoli specie di piante derivante dall’uso dei pesticidi, dal depauperamento ambientale tramite l’uso di semi geneticamente modificati, dai prati rovinati dal letame, dalla morìa delle api e dalla pressione sempre maggiore esercitata dalla domanda sui produttori.

Le proteste dilagano, come ad esempio contro l’utilizzo del glifosato, il pesticida più comune al mondo e che contiene elementi cancerogeni.

Si può parlare di un ritorno alla natura e di una nuova consapevolezza della sua valorizzazione?

Con

Ulrich Veith, sindaco di Malles Venosta, che attraverso un referendum è riuscito a vietare l´uso di pesticidi in val Venosta e a cui il tribunale europeo ha fatto ricorso; Norbert Blasbichler, produttore agricolo vinicolo di Velturno e Alexander Agethle, produttore e venditore dei propri prodotti biologici.

Luogo

Castel Velturno, via Paese 1, Velturno

Ore

18

Letture vigneto del maso Radoar

Lettura

Con

Maxi Obexer: Unter Tieren, Fra gli animali

Luogo

Maso Radoar

Ore

21

29.07.2016

Quale paura? Quale crisi? Quale frontiera?

Open end

Che influenza esercitano i concetti sulla nostra lettura del presente? Fino a che punto influenzano noi stessi? Attraverso: Quale paura, quale crisi, quale frontiera invitiamo tutte e tutti a riflettere sui concetti predominanti del nostro tempo che influenzano profondamente le nostre visioni, quasi fossero dati per naturali.

Quale paura, quale crisi, quale frontiera è una piattaforma attraverso la quale abbiamo voluto cercare migliori prospettive e visioni per l’Europa, affinché non via sia un’Europa della crisi, ma un’Europa delle fattibilità. Tutti i testi ricevuti sono stati pubblicati su www. utopiaeuropa.info e potranno essere letti e interpretati tramite performance nell’ambito della maratona di lettura, che si terrà a Lungomare a Bolzano.

Con

Parteciperanno tutti e tutte i relatori e relatrici, gli ospiti e gli autori e autrici della Summer School 2016: tra gli altri, Gerhard Ruiss, Catherine Perret, Beatrice Catanzaro, Stefano Zangrando, Irene Kacandes, Adnan Softic, Ulrike Syha, Toni Bernhart, Sivan Ben Yishai et. al.

Luogo

Lungomare Bolzano

Ore

18

Biografie

Philipp Achammer

Philip Achammer é consigliere provinciale per l’educazione e la cultura tedesca.

Alexander Agethle

Alexander Agethle gestisce un’azienda agricola e un caseificio a Malles in Val Venosta. Il suo formaggio ha già vinto numerosi premi. Nel 2009 ha fondato l’iniziativa Adam e Epfl, che si impegna per lo sviluppo sostenibile dell’Alta Val Venosta. Tiene conferenze su questo tema e ha anche diretto il progetto culturale Paradies Festival Obervinschgau nel 2015.

Norbert Blasbichler

Norbert Blasbichler gestisce il Radoarhof di Velturno, che ha convertito all’agricoltura biologica nel 1996. La sua azienda agricola comprende l’allevamento di vacche nutrici,  la viticoltura e la frutticoltura. Lavora e commercializza i suoi prodotti da solo. È co-fondatore dell’Eisacktal Keschtnweg e presidente dell’associazione Leben am Keschtnweg.

Maxi Obexer

Maxi Obexer è autrice di pezzi teatrali, radio dramme, saggistica e prosa, tra cui “Die Liebenden”, “Das Geisterschiff”, “Gletscher” ed il romanzo “Wenn gefährliche Hunde lachen.” Tra i suoi lavori a sfondo politico il lavoro teatrale “Illegale Helfer”, che prossimamente verrà rappresentato in Austria e in Germania. Lavora come docente presso il Literaturinstitut di Lipsia e da gennaio 2016 presso la Georgetown University Washington, DC. Nel 2014 insieme a Marianna Salzmann ha fondato il “Neue Institut für Dramatisches Schreiben – NIDS”.

Matteo Moretti

Matteo Moretti è designer e co-fondatore di Europadreaming. Lavora presso la Facoltà di Design e Arti della Libera Università di Bolzano. Ha lanciato la piattaforma online visualjournalism.unibz.it.  Ha ricevuto il premio giornalistico nel 2015 e l’European Design Award nel 2016.

Nivedita Prasad

Nivedita Prasad è Professoressa di Lavoro Sociale e Diritti Umani presso la Alice- Salomon-Hochschule Berlin. Si impegna per la situazione delle persone che “non hanno diritto ai diritti”; e contro la violenza contro le donne . Nel 2012 ha ricevuto il premio Anne Klein della Fondazione Heinrich Boell.

Sasha Marianna Salzmann

Marianna Salzmann è cresciuta in Russia e in Germania, ha studiato letteratura scenografica presso l’Università delle arti a Berlino. Il suo pezzo teatrale “Weißbrotmusik” è stato premiato con il “wiener wortstaetten preis 2011”, il pezzo “Muttermale Fenster blau” con il “Kleistförderpreis” 2012 e “Muttersprache Mameloschn” con il premio onorario die “Mülheimer Theatertage” 2013. Nel 2013/14 è autrice presso il Maxim Gorki Theater Berlino e conduce lo “Studio R”.

Adnan Softic

Artista visivo, autore e regista. Ha studiato Filosofia e Politologia alla Humboldt Universität di Berlino e, successivamente, Arte all’Università delle Belle Arti di Amburgo. Professore associato, concentra i suoi studi principalmente sul cinema; è inoltre docente all’Università delle Belle Arti di Amburgo. Nel 2016 è stato assegnatario della borsa di studio dell’Accademia Tedesca Villa Massimo di Roma.

Sivan Ben Yishai

Sivan Ben Yishai è una scrittrice e regista. Ha studiato regia teatrale e scrittura teatrale all’Università di Tel Aviv, dove ha sviluppato numerose produzioni e spettacoli teatrali prima di trasferirsi a Berlino. A Berlino gestisce una scuola di improvvisazione.

Natalie Ananda Assmann

Natalie Ananda Assmann è un’attivista, attrice e operatrice culturale. Nel 2015 ha fondato insieme a Bernhart Dechant l’iniziativa Die Schweigende Mehrheit sagt: Ja!

Michael Genner

Michael Genner è autore, attivista e consulente legale per i richiedenti asilo. Ha iniziato la sua attività politica nel movimento studentesco nel 1968 ed è stato membro del consiglio direttivo di Spartacus (1970 – 1972). Ha scritto il libro: Verleitung zum Aufstand pubblicato nel 2012.

Ulrike Syha

Ulrike Syha lavora come autrice e traduttrice di teatro ad Amburgo. È stata borsista dell’Akademie Schloss Solitude, del Colloquio letterario di Berlino, dell’Accademia tedesca di Roma (Casa Baldi) e del Consiglio di letteratura dell’Assia (residenza in Lituania). E’ stata premiata con il Premio Kleist per giovani drammaturghi. Le sue opere sono state invitate più volte alle Mühlheimer Dramatikertage. Dal 2014 è  coordinatrice del Comitato di lingua tedesca di EURODRAM.

Veronika Springmann

Veronika Springmann è una storica e scienziata sportiva. La sua ricerca e il suo lavoro si concentrano sulla storia del nazionalsocialismo e sulla storia della violenza.

Toni Bernhart

Laureato in lettere, scrittore e regista. Direttore del progetto di ricerca „ scienze letterarie quantitative“ e docente di letteratura tedesca contemporanea presso l’Istituto di Scienze Letterarie dell’Università di Stoccarda. Bernhart è autore di numerose opere teatrali, tra cui ricordiamo le più recenti “Rita” (2014) e “Aeneis.Nach Vergil” (2016). L’ estate 2019 esce il suo libro “Volksschauspiele. Genese einer kulturgeschichtlichen Formation” (Berlin, De Gruyter 2019).

Corinne Diserens

Corinne Diserens ha studiato arte e storia del cinema alla Sorbona di Parigi e all’Independent Study Program del Whitney Museum of American Art di New York. Era curatrice della 5. Biennale Internazionale di Tirana, Albania, e attualmente sta curando la Biennale di Taipei.

Tucké Royale

Tucké Royale è un artista e un autore. Dal 2012 Royale è un membro della band di Hans Unstern e ghostwriter per HANKY PANKY KNOW HOW (Merve Verlag). Con il collettivo di performance Talking Straight Royale ha sviluppato le produzioni Europe – Garden of Delights, Aussöhnen mit Deutschland II. 

Martin Santner

Caporedattore di 39Null, magazine di cultura e società.

 

Greta Pichler

Studentessa di Filosofia e Arte del linguaggio presso l’Università delle Arti applicate di Vienna. Recenti pubblicazioni nell’ambito del progetto di traduzione letteraria “lyrischer Wille” ​​e in “wo waren wir? ach ja: Junge österreichische Gegenwartslyrik”; dal 2016 fa parte del collettivo di artisti Textkörper, dal 2018 è co-curatrice della rivista letteraria JENNY. Nel 2020 ha curato tre mostre nel Passaggio letterario del Quartiere dei Musei di Vienna.

Adnan Softić

Artista visivo, autore e regista. Ha studiato Filosofia e Politologia alla Humboldt Universität di Berlino e, successivamente, Arte all’Università delle Belle Arti di Amburgo. Professore associato, concentra i suoi studi principalmente sul cinema; è inoltre docente all’Università delle Belle Arti di Amburgo. Nel 2016 è stato assegnatario della borsa di studio dell’Accademia Tedesca Villa Massimo di Roma.

Anah Filou

Vive a Vienna, ha studiato Filosofia, Scienze dell’arte e all’Accademia delle Belle Arti di Vienna, nella classe di Arte performativa. Ha partecipato al forum testuale 2016-2018 presso il DRAMA FORUM organizzato a Graz dall’iniziativa culturale uniT. Invitata nel 2018 al Festival della drammaturgia a Graz 2018 e alla Lit.Fest di Stoccarda. Con il testo “Das Wunder von Sole” è fra i nominati per l’assegnazione del premio d’arte drammatica Retzhofer Dramapreis 2019.

Partner

Cooperazione tra
Literatur Lana
Lungomare
Neues Institut für Dramatisches Schreiben (NIDS).

lungomare

agricoltori – visioni

discussione

pubblico

Matteo Moretti

Sasha Marianna Salzmann

Adnan Softic

Maxi Obexer