La Summer School Südtirol è un’iniziativa internazionale, locale ed interdisciplinare. Si propone di far convergere le conoscenze di tanti individui sulle questioni fondamentali del nostro tempo e di utilizzarle per avviare un processo sociale di confronto.

La Summer School Südtirol è una triade composta da laboratori letterari, un forum pubblico e una serie di reading e performance. Il suo obiettivo è quello di promuovere e condividere un dibattito pubblico intorno alle questioni cardinali del presente, incrociando il pensiero artistico-letterario con gli apporti conoscitivi derivanti da altri ambiti, come la scienza, la storia o l’attivismo. La Summer School Südtirol è radicata a livello locale e gode di fama internazionale – grazie ai nostri partner in Italia e all’estero (fra gli altri: Goethe Institut, Internationales Theaterinsitut, Fabula Mundi – Playwriting Europe, Università “Johannes Gutenberg” – Magonza, Wiener Wortstaetten).

summerschoolsuedtirol(AT)gmail.com
+39 377 444 3535

una triade

La Summer School Südtirol è una triade composta da laboratori letterari, un forum pubblico e una serie di reading e performance. Il suo obiettivo è quello di promuovere e condividere un dibattito pubblico intorno alle questioni cardinali del presente, incrociando il pensiero artistico-letterario con gli apporti conoscitivi derivanti da altri ambiti, come la scienza, la storia o l’attivismo. La Summer School Südtirol è radicata a livello locale e gode di fama internazionale – grazie ai nostri partner in Italia e all’estero (fra gli altri: Goethe Institut, Internationales Theaterinsitut, Fabula Mundi – Playwriting Europe, Università “Johannes Gutenberg” - Magonza, Wiener Wortstaetten).

Programma

18.07.2021 - 23.07.2021

a Castel Velturno e presso la cantina vinicola biologica Radoarhof di Velturno

Summer School 2021

Relazioni tossiche - come guarire?

La nozione di “tossico” ha preso slancio, tanto più da quando non possiamo più muoverci.
Da quando la pandemia ha prosciugato l’elemento fluido e il momento dinamico connaturati all’incontro nello spazio pubblico e sociale, confronti e dibattiti si sono fatti più duri, aridi e velenosi. Già molto tempo prima, tuttavia, la nozione di tossico si declinava nella forma della “toxic masculinity”, riconoscibile ad esempio nello stile autoritario che uomini in posizione di potere esprimono attraverso il corpo, il linguaggio e il governo.

Parlar tossico
Parlare è una modalità dell’agire. Permette di de/cidere, rimuovere, silenziare o dare visibilità. Nei social media, come da tempo nella stampa tradizionale, l’uso tossico del linguaggio è diventato l’arena di un bilioso parlar-contro e di un ostile sovrapporsi all’altro: hate speech, shitstorm e diffamazioni ad personam sono ormai diventati una componente chiave della comunicazione pubblica.

Relazioni tossiche
La violenza contro donne e ragazze, alimentata dai rapporti di disuguaglianza fra i sessi e dalle forme di dominio patriarcale, è in continuo aumento, fin da prima della pandemia. Nel 2017 in tutto il mondo sono state uccise 87.000 fra donne e ragazze. E durante la pandemia questi crimini hanno conosciuto una crescita esponenziale.
Alla normalità di questi crimini dichiarerà guerra, con gli strumenti dell’arte, una campagna in cinque parti che agiterà vari luoghi pubblici dell’Alto Adige da giugno a ottobre 2021.
La Summer School Südtirol è co-curatrice di questa campagna insieme con Lungomare – Spazio di produzione culturale e con Kunst Meran/o Arte, accompagnate in questo percorso da Medica Mondiale e Monika Hauser.

Come guarire
La Summer School Südtirol 2021 invita a interrogarsi su queste relazioni tossiche, ad esplorarne origini e meccanismi, e punta a individuare le forme di reazione più adeguate di fronte ad attacchi e diffamazioni mirate. Ci chiederemo inoltre come questa tossicità possa essere superata, quali forme e visioni occorra coltivare per favorire processi di guarigione e riconciliazione.

In collaborazione con Castel Velturno, Wiener Wortstaetten, rete Münchner Theatertexter*innen, Kunst Meran/o Arte e Lungomare